Nel cielo… Un asteroide

La probabilità che un asteroide colpisca la Terra esiste, ma è estremamente bassa, o quasi nulla.
Lo spazio interplanetario è essenzialmente vuoto: basti pensare alle dimensioni del tutto irrilevanti di un asteroide se confrontato con quelle terrestri o solari: Cerere, il più grande finora conosciuto e che è stato recentemente riclassificato come pianeta nano, ha un diametro di circa 1000 chilometri; il diametro terrestre è di quasi 13000 chilometri, quello solare è circa 109 volte quello terrestre. Ma la stragrande maggioranza degli asteroidi ha dimensioni molto inferiori, che vanno da qualche centinaia di metri fino a un centinaio di chilometri.
D’altronde, la storia del Sistema Solare è una storia di urti continui: per avere un’idea, è sufficiente alzare gli occhi verso la Luna e osservarne la superficie ricchissima di crateri d’impatto di varie dimensioni e fra loro sovrapposti. Anche la Terra è stata bombardata in passato da asteroidi, ma la vegetazione ha cancellato le tracce di questo passato.

Per avere un’idea del numero di asteroidi noti fino ad oggi che hanno probabilità di impatto con la Terr nei prossimi decenni, è possibile visitare vari siti che sono continuamente aggiornati: per esempio, quello della NASA, all’indirizzo: http://neo.jpl.nasa.gov/risk/ ; o quello dell’ESA all’indirizzo: http://spaceguard.esa.int/o quello dell’Università di Pisa su http://newton.dm.unipi.it/cgi-bin/neodys/neoibo . Invece, il sito: http://impact.arc.nasa.gov/neo_main.cfm fornisce la lista completa di tutti gli asteroidi pericolosi. Si osserva che, al momento, non c’è nessun corpo a rischio di impatto con la Terra per i prossimi decenni.

Al nostro Skardy abbiamo rivolto la seguente domanda:
Hai un colpo di sfortuna. Tra una settimana un grosso asteroide cadrà sulle nostre teste. Come passeresti questi ultimi giorni?

“A domande brevi, risposte brevi: magna, bevi e godi. Nel senso: spassiamocela più possibile”.
Ora, però, ha un colpo di fortuna. Puoi salvarti salendo a bordo di una piccola astronave. Oltre a te c’è posto per un’altra persona e poche cose: chi e cosa porteresti?

“La moglie e i miei dischi. Ho anche dei dischi preferiti che porterei con me. Esiste solo la musica degli anni Settanta, sono cresciuto ascoltando i Rolling Stones, i Beatles gli U2. La musica di oggi è semplicemente una derivazione, una conseguenza di quella degli anni Settanta. Tutto il settore musicale che parte dai primi anni Sessanta fino alla fine degli anni Settanta avrà ancora per decenni da insegnare delle cose”.

Adesso che ti abbiamo fatto pensare a questa eventualità, la prossima volta che andrai in spiaggia e guarderai il cielo, lo farai con più apprensione?

“Per dire la verità, mi fa meno paura un asteroide che cade sulla Terra del genere umano: è il genere umano che sta distruggendo un pianeta. Un asteroide al massimo gli tira una botta”.

Non ci resta che sperare che questa “botta” non arrivi mai dal cielo ma che il genere umano se la dia da solo.

Sabrina

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Nel cielo… Un asteroide

  1. gabriele dice:

    Curioso che qualche giorno fa è stato scoperto un asteroide, anche se piccolo, che stava precipitando sulla Terra. Tutto è avvenuto solo 6 ore prima dell’impatto che è avvenuto con puntualità e precisione sul luogo predetto dalle poche osservazioni. Su http://www.spaceweather.com/, andando al 6 ottobre 2008, si trova tutta la storia, sfogliando i giorni successivi del diario astronomico si trovano anche le foto dell’impatto.
    Quindi, come dici tu, ce ne sono parecchi in giro, ma sono anche molti quelli che per le piccole dimensioni si vedono solo poco prima dell’impatto, in questo caso assolutamente innocuo per noi comuni mortali.
    Ciao

  2. Sabrina dice:

    Grazie Gabriele,
    ho provato a digitare anche "8 ottobre 2008" e ancora si parla dell'asteroide. Potrebbe diventare un ottimo tema per una delle prossime puntate.
    A presto,
    Ciao, sabrina