Americani sulla Luna

laluna

“Lo sbarco del primo uomo sulla Luna è l’obiettivo primario della NASA e dei contribuenti che pagano i nostri conti. Credo che vorranno sostenerci finché non ci saremo riusciti”.

Signor Webb, successi della NASA e sforzo dei contribuenti a parte, batteremo davvero i russi in questa gara?”

“E’ il mio lavoro e di quattrocentomila uomini e donne sparsi in tutto il nostro Paese. Faremo sì che questo avvenga”.

James Edwin Webb (1906-1992) fu il secondo amministratore della Nasa in servizio dal 14 febbraio 1961 al 7 ottobre 1968. Sotto la sua direzione, l’agenzia spaziale americana si prefisse l’obiettivo del Presidente Kennedy di far sbarcare un americano sulla Luna entro la fine del decennio con una missione Apollo. E così fu.

Sabrina

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Americani sulla Luna

  1. Antonio dice:

    Trovo interessante leggere le teorie secondo le quali il primo viaggio sulla luna in realta' non sia avvenuto. Alcune persone han studiato tutta la missione nei minimi particolari pur di trovare qualche errore che potesse dimostrare che effettivamente quella missione non c'e' mai stata: o eran certi di aver ragione e quindi han dedicato la loro vita per dimostrarlo, oppure avevan tanto tempo libero e non sapevan che altro fare 🙂