Sperimentare… sugli animali

gattinoContinua qui l’intervista ad Emiliano Ricci (puntata 50 di Tutti Dentro) dedicata agli animali mandati in orbita nello spazio.

“Ho avuto la fortuna di non dover mai scrivere su argomenti delicati quali sono gli esperimenti sugli animali. E’ sempre molto difficile parlare di questo tipo di esperienze”.

“Quello che mi preoccupa di più sono i maltrattamenti nei confronti degli animali fatti gratuitamente per la ricerca dei cosmetici e per le pellicce: tutto questo è assolutamente da abolire e da evitare. Nella ricerca medica la posizione mi vede un pochino più sullo sfumato. Infatti, ragionando e parlando con giornalisti che si occupano di medicina e di sperimentazione di nuovi farmaci, è evidente che la sensibilità nei confronti degli animali è cambiata e la ricerca (almeno si spera) è diventata sempre più una ricerca fatta con la minor sofferenza possibile per gli animali, quando si dovessero necessariamente utilizzare. Io penso e spero che siano ricerche volte al bene dell’umanità”.

“Sono una persona molto sedentaria che evita i rischi di qualunque genere, però un viaggio nello spazio sarebbe una di quelle esperienze per cui io metterei volentieri in gioco la mia vita. Detto questo, mi porterei sicuramente persone care e anche animali se potessi farlo”.

Grazie Emiliano.

Sabrina

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Una risposta a Sperimentare… sugli animali

  1. martina dice:

    Mi trovi pienamente d'accordo. E da persona "dentro" il settore, ti assicuro che il rispetto del benessere degli animali da ricerca è sempre una priorità del ricercatore serio. Questo sia per un fattore di umanità, sia perchè comunque gli stress che possono derivare dal malessere spesso inficiano non poco i risultati della ricerca.