III. La più antica delle scienze moderne

 matematica

E’ sempre possibile intraprendere la discussione su chi è stato il primo scienziato moderno nelle diverse discipline: in chimica, per esempio, è stato forse Barthelot (fine del XIX secolo)? O dal ton (inizio del XIX secolo)? O ancora Cavendish o Lavoisier (XVIII secolo)?
In ogni caso, a prescindere dalla disciplina scientifica considerata, anche l’ottimismo più coraggioso e la più grande indulgenza immaginabile verso i precursori (che si possono sempre considerare come degli scopritori) non permette di risalire a più quattro o cinque secoli fa.
Con una sola eccezione: la matematica. Che può essere considerata come moderna almeno a partire da Euclide, arretrando così nel tempo addirittura di due millenni.
Effettivamente, contrariamente all’ “Almagesto” di Tolomeo, gli “Elementi” di Euclide rappresentano un’opera perfettamente accettabile per l’odierno matematico che vi ritrova una struttura e un contenuto incontestabili (o quasi) e ancora oggi insegnati a scuola. Sia ben chiaro: un ricercatore contemporaneo che legge Euclide ha un po’ l’impressione di percorrere un’opera di insegnamento più ce di ricerca (cosa che peraltro essa era in origine), ma si tratta pur sempre di una matematica più che accettabile.
Questo chiarimento storico potrebbe spiegare in parte perché è così difficile per un dilettante fare scoperte matematiche. Due millenni di storia in più hanno senza dubbio dato il tempo ai matematici del passato di conseguire gran parte dei risultati più “semplici e accessibili”. Per altre scienze più recenti si può invece immaginare che gli appassionati non professionisti possano ancora scoprire qualcosa.
Ma è davvero tutto qui? Forse no.

Continua…

Sabrina

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi