Niente acqua sulla Luna?

 

di Luca Nobili, Ufficio Comunicazione dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Luna superficie
Articolo tratto da “Urania” – il Notiziario di Astronomia e Astronautica dell’INAF alla pagina: http://www.oapd.inaf.it/urania/2009/articoli/s23a1.htm .

Immagine: superficie lunare disponibile su: http://www.pelucco.it/Tesina/Cartelle/materie/scienze.htm .

 

Il ghiaccio d’acqua sulla Luna per ora non si trova. La notizia giunge dall’Agenzia Spaziale Giapponese, dopo le analisi dei dati raccolti dalla sonda Kaguya. Poco meno di un mese fa, la sonda si era lanciata come un kamikaze dentro un cratere del polo sud lunare, schiantandosi. Una fine programmata, a conclusione di una missione durata due anni, per scavare un buco e mettere a nudo gli strati del sottosuolo.
Tra gli obiettivi dell’impatto, anche quello di trovare tracce di ghiaccio d’acqua. Se venisse scoperto in buona quantità, potrebbe essere utilizzato per ottenere acqua e ossigeno utili agli abitanti di una futura base lunare permanente. Il buco scavato dall’impatto della sonda non ha però rivelato il ghiaccio, né indizi che potrebbero indicarne la presenza.
Adesso le speranze sono affidate alla sonda della NASA Lunar Crater Observation: se anche in questo caso non si trovasse nulla, il progetto di costruire una base lunare nei prossimi anni potrebbe subire un forte ritardo se non essere abbandonato. Almeno da parte degli americani. La Cina è infatti decisa a sbarcare sulla Luna e costruire il suo primo avamposto, a costo di portarsi da casa tutta l’acqua necessaria ai suoi astronauti.

Luca Nobili

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

7 risposte a Niente acqua sulla Luna?

  1. Sabrina dice:

    I Cinesi non potrebbero darsi al vino?
    A parte questa battutaa, mi auguro che almeno lo spazio non venga reso "proprietà" privata di qualche nazione. Già possiamo dire che quello che apprendiamo qui sulla Terra può essere messo a frutto per non combinare errori altrove, su qualche altro pianeta o satellite.

  2. Gaia dice:

    Rimango dell’idea che anche senza l’acqua, una base lunare ci sarà, se non altro come punto di partenza per missioni verso Marte.

  3. Pasquale dice:

    Incredibile fine per una sonda. Forse lo schianto non ha provocato un buco sufficiente per trovare l’acqua. Potrebbe trovarsi ancora più sotto.

  4. flavio dice:

    La costruzione di una base lunare diventerà necessaria per il semplice motivo che far partire razzi o astronavi dalla Luna è decisamente più semplice in quanto non è necessario imprimere all’astronave la cosiddetta “velocità di fuga terrestre”, quella velocità di circa 11 km/s tale da permettere al razzo di sfuggire all’attrazione gravitazionale terrestre. Sulla Luna l’attrazione gravitazionale è circa 1/6, di conseguenza, anche la velocità di fuga lunare è 1/6 più piccola. Inoltre, se verranno costruiti veicoli spaziali a propulsione atomica, sarà meno pericoloso farli partire dalla Luna che non dalla Terra, per un’eventuale rottura o scoppio in volo che produrrebbe un inquinamento radioattivo su tutto il globo. Ritengo che solamente motori a propulsione atomica, in base a quanto ho letto su riviste specializzate, potrebbero avere una capacità di autonomia elevata per viaggi spaziali molto lunghi, per esempio per il tempo necessario ad arrivare su Marte. Col tempo, si potrebbero sperimentare nuove tecnologie, compreso lo sfruttamento del suolo lunare per ricavare materie prime, utili per costruire ulteriori insediamenti umani sul nostro satellite, creando i tanto agonisti nuovi posti di lavoro! Non solo: costruire un telescopio di grandi dimensioni sulla Luna sarebbe un notevole vantaggio per via dell'assenza di atmosfera… Sono convinto che costruire una o più basi darebbe il via ad uno sviluppo tecnologico spaziale senza precedenti e si aprirebbe una nuova era dell'esplorazione spaziale. Una cosa mi preoccupa, però: che la costruzione di una o più basi lunari potrebbe essere fatta solo per scopi militari. Immagino che bisognerebbe prima di tutto promulgare leggi (più o meno restrittive) sottoscritte da tutti i paesi interessati alla stazione spaziale o alla base lunare per evitare il succedersi di una cosa di questo tipo.
    Comunque, per costruire anche solo una base lunare bisognerà fare i conti con i limiti fisici umani. Sarà necessario “realizzare” una gravità artificiale, simile a quella terrestre, difendere la base lunare da eventuali impatti meteoritici e tanto altro ancora. Non sarà perciò semplice la sua costruzione.
    Da sempre l’uomo ha avuto grande spirito di adattamento e sono convinto riuscirà ad adattarsi a vivere sulla Luna o a viaggiare nello spazio su astronavi sfruttando la sua intelligenza e immaginazione al fine di costruire supporti tecnologici sempre più sofisticati per migliorare e permettere la sua permanenza in posti inospitali quali sono quelli lunari o per compiere viaggi verso altri pianeti del sistema solare.

    • Sabrina dice:

      Dal mio punto di vista, realizzare una gravità artificiale è estremamente difficile. Forse si può costruire una base nella quale simulare condizioni di gravità simili a quelle terrestre ma una volta usciti dalla base, la gravità rimarrebbe quella lunare.

      Io sono sempre più convinta che sia meglio preservare il nostro pianeta, fondamentalmente bello e prezioso per la nostra vita: andare oltre non è una cattiva idea ma bisogna davvero fare i conti con una molteplicità di problemi davvero grandi e che al momento non siamo in grado di risolvere. Certo, fra cinquant'anni forse le cose saranno diverse, ma potrebbero esserci tanti altri problemi e difficoltà a livello terrestre, per cui fare previsioni a così lunga distanza, per me è impensabile. Del resto, lascio ai figli che verranno queste responsabilità, non perchè me ne voglia lavare le mani, solamente perchè o sarò così vecchia che la lucidità mentale mi mancherà o perchè non ci sarò più.

  5. Monica dice:

    Secondo me, le difficoltà per la costruzione di una base lunare ci sono, ma verrà il giorno in cui i problemi si risolveranno. Ora siamo preoccupati per l'influenza A, ma credo che per ottobre-novembre una soluzione si troverà. Chi vivrà vedrà, si dice…