L’analisi del terremoto di Prato

 

tides6216629

 

di Gabriele Umbriaco, Dipartimento di Astronomia dell’Università degli Studi di Padova

Ricordo che tempo fa (http://tuttidentro.eu/2009/07/22/studi-sulla-correlazione-tra-eclissi-di-sole-e-terremoti/ post del 22 luglio 2009) eravamo incuriositi dal fatto che durante le esclissi di Sole oppure di Luna ci fossero delle coincidenze di terremoti di una certa entità. Dato per scontato che le cause di un terremoto sono molteplici e i fattori per prevederlo difficili da analizzare compiutamente, sono andato a cercare queste coincidenze. Riassumendo i risultati ottenuti, è chiaro che l’attrazione gravitazionale luni-solare impone alle masse libere della Terra, tipo il mare, di ricevere una attrazione gravitazionale differente a seconda della posizione di questi due astri in cielo, vedi l’effetto delle maree. La marea pero’ si esercita anche sulla crosta terrestre anche se in minor misura. Le variazioni di accelerazione gravitazionale luni/solare si possono calcolare a priori conoscendo la posizione degli astri in cielo. La sua intensità rispetto all’attrazione gravitazionale della Terra (g) è piccolissima, dell’ordine del milionesimo. Poiche’  pero’ la forza è costituita dal prodotto della massa per l’accelerazione, anche una piccola variazione di g puo’ provocare grandi forze se applicate a grandi masse.

Ho constatato che nella mappa della gravità luni/solare (mappa gravitometrica) di solito i grandi terremoti (mag > 5) si verificano con ricorrenza in zone della Terra interessate dagli estremi del valore di g oppure dove cambia verso. Poiche’ il numero di queste coincidenze è risultato molto elevato ad un certo punto si è preverito non continuare ad aggiornarvi su questo argomento. Il terremoto di Prato offre il motivo per tornare su questo argomento.

Nella mappa gravitometrica di questo terremoto (vedi sopra), questa coincidenza ritorna esattamente, come peraltro in molti altri terremoti anche di magnitudine piu’ piccola. Nella stessa zona, si puo’ vedere che il numero di terremoti verificatesi nella storia è molto alto, lo mostra la mappa qui sotto dove sono riportati i terremoti con relativa magnitudine (data dalla grandezza dei pallini) dal 1954 al 14 settembre 2009.
Saluti, Gabriele.

infot9395regionalseismi

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi