Rosetta completa il suo ultimo fly by con la Terra

Immagine della Terra ripresa da una camera a bordo di Rosetta (con un piccolo angolo) da una distanza di 633.000 chilometri il 12 novembre 2009. Crediti: ESA.


Per il suo appuntamento con la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko previsto per il 2014, la sonda Rosetta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che porta a bordo strumenti del Jet Propulsion laboratory (JPL) della NASA, ha compiuto con ottimi risultati il suo terzo e ultimo passaggio ravvicinato (fly by) con la Terra, lo scorso 13 novembre 2009 per acquistare un nuovo impulso e raggiungere dapprima l’asteroide 21 Lutetia, nel luglio 2010, e successivamente, dopo un periodo di «ibernazione» dal 2011 al 2014, la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

A bordo della sonda Rosetta si trovano lo strumento Alice, che osserva nell’ultravioletto, lo Ion and Electron Sensor, sensore che permetterà lo studio del plasma della cometa e uno strumento sensibile nelle microonde, denominato Microwave Instrument for the Rosetta Orbiter.
Per ulteriori informazioni sul contributo della NASA alla missione Rosetta, si visiti il sito: http://rosetta.jpl.nasa.gov .

Sabrina

Informazioni su Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi