Studio delle oscillazioni solari

di David Evans, immagine del Sole ripresa il 16 aprile 2010. Disponibile su Facebook sulla Hope Page di David Evans.

Continuazione…

Dal suo punto di osservazione privilegiato, SOHO può ascoltare, per così dire, il canto del Sole in alta fedeltà, senza i disturbi dovuti all’atmosfera terrestre, tramite due strumenti indicati con le sigle SOI e GOLF, sensibilissimi all’effetto Doppler. Il primo studia le oscillazioni globali di superficie, il secondo analizza la struttura profonda del Sole. Questi strumenti dovrebbero rimanere in funzioni per più di vent’anni, fino a coprire un intero ciclo magnetico solare. Intanto fin dall’inizio delle osservazioni SOHO ha rivelato che la nostra stella ha un’attività fotosferica e cromosferica molto più vivace di quanto si pensasse anche in tempo di calma magnetica.

A partire dal 1996, per integrare i dati di SOHO, le oscillazioni solari vengono registrate anche dal suolo nell’ambito di una collaborazione internazionale nota con la sigla GONG (Global Oscillation Network Group) sotto la direzione del National Solar Observatory statunitense. Sei punti di osservazione sparsi strategicamente intorno alla Terra (Tenerife nelle isole Canarie, Big Bear in California, Learmonth in Australia, Udaipur in India, Cerro Tololo in Cile e Mauna Loa nelle isole Hawaii) consentono di seguire il Sole mentre senza soluzione di continuità. Gli strumenti sono tutti identici e riprendono automaticamente un’immagine al minuto.

Un’altra rete di osservazione, già in funzione da parecchi anni, è IRIS, che fa capo all’Università di Nizza e comprende sei stazioni: a Stanford (California), all’Osservatorio Australe Europeo (Cile), a Tenerife (Canarie), in Marocco, nell’Uzbekistan e a Narrabri in Australia.

Fine

Sabrina

Informazioni su Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi