Asteroide “acchiappato” mentre passa la Nebulosa Girino…

 

L’immagine presa da WISE della Nebulosa Girino. Crediti: NASA/JPL-CAltech/UCLA.

di Marco Castellani, Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)-Osservatorio Astronomico di Roma

 

Una nuova immagine infrarossa acquisita dal Wide Field Infrared Explorer della NASA (più brevemente WISE) ci regala una bella visione della Nebulosa Girino (la Tadpole Nebula), una regione di formazione stellare nella costellazione di Auriga, a circa 12.000 anni luce dalla Terra. Al di là dell’interesse della bella immagine, comunque, c’è un particolare intrigante: mentre la sonda Wise collezionava le immagini destinate a comporre questo mosaico, è successo che – per puro caso! – “intercettasse” un asteroide in transito nel nostro Sistema Solare.

L’asteroide, chiamato 1719 Jens, si scorge nell’immagine come una serie di piccoli puntini gialli, evidenziati nel box nei pressi della zona centrale dell’immagine. Ma non è tutto: un altro asteroide, chiamato 1992 UZ5, è stato “colto” da WISE traversare la stessa zona di cielo (si può vedere nel riquadro più piccolo più a sinistra).

Come non fosse abbastanza, nell’immagine si possono scorgere anche due altri piccoli oggetti, satelliti orbitanti nei pressi della sonda, come delle leggere striscie verdi (nella zona ovale). Interessante notare come il moto apparente degli asteroidi sia più lento di quello dei satelliti (questo si spiega perché gli asteroidi risultano più distanti), in modo tale che questi appaioni come “punti” che si “muovono” da una immagine del mosaico alla successiva, invece che passare come una “strisciata” in una singola immagine.

La nebulosa Girino è una regione piena zeppa di stelle molto giovani… appena un milione di anni, che per gli standard stellari è poco davvero.. in pratica, stelle bambine! L’asteroide 1719 Jens invece è stato scoperto nel 1950, e orbita nella fascia principale degli asteroidi, quella tra Marte e Giove. E’ un “grosso sasso” con un diametro di circa 19 chilometri, ruota su se stesso una volta in 5,9 ore, e impiega poco più di quattro anni per compiere un’orbita completa intorno al Sole…

Fonte: JPL Nasa: http://www.jpl.nasa.gov/news/news.cfm?release=2010-161&rn=news.xml&rst=2600 . Lo stesso articolo è stato pubblicato su GruppoLocale.it alla pagina:  http://www.gruppolocale.it/?p=2228 .

Marco

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi