Un raggio laser verso il centro galattico

Un raggio laser che parte da un telescopio del VLT (Cile) in direzione del centro galattico. Crediti: Yuri Beletsky (ESO).

Ci si potrebbe chiedere come mai un raggio laser venga puntato verso il centro galattico. Non si tratta di effetti speciali, ma solo di normale lavoro: al Very Large Telescope (VLT) in Cile: i ricercatori in questo modo misurano le distorsioni dell’atmosfera del nostro pianeta,  sempre mutevole.

Un costante imaging degli atomi ad alta altitudine eccitati dal laser -che appare come una sorta di stella artificiale- permette di misurare in modo istantaneo il grado di “confusione” atmosferica (il “blurring” in inglese). Questa informazione torna indietro ad uno specchio del telescopio VLT che è leggermente deformato per ridurre al minimo il blurring stesso.

In questo caso, un telescopio sta puntando verso il centro della nostra Galassia, e di conseguenza è necessario conoscere il valore del blurring in quella determinata direzione.

Sabrina

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Un raggio laser verso il centro galattico

  1. gabriele dice:

    quella luce accesa l'avevo dimenticata io, accidenti non scappa nulla.
    ciao, gabriele

  2. Sabrina dice:

    Un segno della tua presenza, una sorta di firma cosmica, Gabriele! Una stella umana tra le stelle!