Un viaggio nella Nebulosa Carena

Crediti: La Nebulosa Carena da HubbleSite.org.

di Marco Castellani, Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Osservatorio Astronomico di Roma

Davvero intriganti, le immagini restituite dal Telescopio Spaziale Hubble della Nebulosa Carena! Nel freddo vuoto cosmico, la radiazione proveniente dalle stelle più grandi scava via materiale dalle gelide nubi molecolari, creando strutture bizzarre ed alquanto fantasiose… Rimangono delle specie di immensi “pilastri” di idrogeno e polvere, che determinano l’aspetto così peculiare e caratteristico della nebulosa.

L’immagine è in realtà formata da una composizione di diverse foto scattate da Hubble nella Nebulosa Carena, nell’anno 2005, nella “banda dell’idrogeno” (luce emessa dagli atomi di idrogeno) insieme con analoghe osservazioni acquisite quest’anno nella “banda dell’ossigeno”. In entrambi i casi è stata utilizzata la Advanced Camera for Surveys (ACS).

L’immensa Nebulosa Carena si estende per circa 7500 anni luce nella costellazione Carena, del cielo del sud.

Fonte: Hubble Site Press Release: http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2010/29/
Video su YouTube disponibile su: http://www.youtube.com/watch?v=85S3pNs1NUQ
Immagine disponibile su: http://hubblesite.org/newscenter/archive/releases/2010/29/image/a/format/large_web/

Marco

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi