Curiosità: perché alcuni pianeti hanno gli anelli?

Una immagine di Saturno fornita da Cassini. Crediti: JPL. di Marco Castellani, Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)-Osservatorio Astronomico di Roma I sistemi di anelli intorno ai pianeti sono piuttosto complicati – come nota Jim Lattis, direttore dell’University of Wisconsin Space Place – e sono anche molto più diffusi di quanto … Continua a leggere …

Nebulosa dell’Aquila

Un’imponente “torre” di gas freddo e polveri s’innalza da una regione di formazione stellare chiamata Nebulosa dell’Aquila. La torre ha un’estensione di 9.5 anni luce, che rappresenta due volte la distanza del Sole dalla stella più vicina, la Proxima del Centauro. Da noi questa Nebulosa dista circa 6500 anni luce … Continua a leggere …

L’ammasso stellare giovane NGC 602

A circa 200 mila anni luce di distanza dalla Terra, nel cuore della Piccola Nube di Magellano si stanno formando brillanti stelle blu. La radiazione solare proveniente da queste stelle scava una vera e propria cavità, dando forma al gas e alla polvere circostante. La Piccola Nube di Magellano rapresenta … Continua a leggere …

Impatto su Giove

La macchia scura nella parte inferiore di Giove è stata causata da una collisione con un asteroide, che è precipitato sul pianeta gassoso nel luglio 2009. Per riuscire a scattare questa fotografia, gli ingegneri hanno sospeso le attività di controllo programmate dopo la fine dell’ultima misisone di manutenzione. Giove si … Continua a leggere …

Meno cinque giorni alla STS-133 Missione Shuttle Discovery

  Pochi giorni al decollo della nuova missione STS-133 Shuttle Discovery. I tecnici del Kennedy Space Center in Florida continuano la loro attenta preparazione dello Shuttle Discovery per la missione STS-133. Avvicinandosi al Kennedy Space Center si possono trovare segnali stradali come questo: Sulla sinistra, l’edificio del Kennedy Space Center … Continua a leggere …

Dove si formano le stelle

Image Credit: NASA, ESA, A. Nota (ESA/STScI) et al.   E’ una regione di formazione stellare che si trova tra la Piccola Nube di Magellano e la nebulosa NGC 346 con un’estensione di circa 200 anni luce, ripresa dall’Hubble Space Telescope. Galassia satellite della nostra, la Piccola Nube di Magellano … Continua a leggere …

Vent’anni di Hubble

In occasione del ventennale del lancio del telescopio spaziale Hubble, uno dei progetti scientifici più ambiziosi mai realizzati, per alcuni giorni pubblichiamo una serie di spettacolari immagini che hanno rivoluzionato l’astronomia moderna. Chiamato Hubble in omaggio al famoso scienziato Edwin Hubble (1889-153), scopritore dell’espansione dell’universo, il telescopio spaziale è frutto … Continua a leggere …

Quella zona calda sull’esopianeta…

Spitzer ha scoperto che la parte più calda di un remoto pianeta, non è proprio sotto il suo sole. Anzi… Crediti: NASA/JPL-Caltech. di Marco Castellani, Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)-Osservatorio Astronomico di Roma   Recenti osservazioni dal Telescopio Spaziale Spitzer hanno rivelato l’esistenza di una “strana” zona più calda su … Continua a leggere …

Un break sulla rampa di lancio

Al Kennedy Space Center della NASA in Florida, l’equipaggio della missione Discovery STS-133 si prende una pausa durante il countdown di un lancio simulato sulla rampa di lancio 39A. Da sinistra, il Pilota Eric Boe, lo specialista di missione Michael Barratt, il Comandante Steve Lindsey, e gli specialisti di missione … Continua a leggere …

Un’eclisse solare per SDO

Il 7 ottobre 2010, il Solar Dynamics Observatory della NASA (SDO) ha osservato il primo transito lunare quando la Luna è passata direttamente fra la sonda, nella sua orbita sincrona con la Terra) e il Sole. Con SDO che osserva il Sole a una lunghezza d’onda nell’estremo ultravioletto, la Luna, … Continua a leggere …