Venezia e il Global Warming

 

Acqua alta in Piazza San Marco.
Fonte: http://2.bp.blogspot.com/_Hwy2rK4Z-rU/TRkYBTYRqAI/AAAAAAAAAEk/GwIFfWH7kFs/s1600/Venezia_acqua_alta_notte_2005.jpg

 

Oramai siamo arrivati a quota 200. E’ il numero di volte che Piazza San Marco si è trovata allagata. Questi dati sono davvero preoccupanti.

I negozianti, ristoratori e gli artigiani veneziani sono oramai rassegnati, tristi e preoccupati. Sanno sicuramente di vivere in una città che dà molto, ma che prende anche molto. 
Quando c’è acqua alta, l’attività a Venezia si ferma: i clienti non ci sono e i commercianti sono impegnati a pulire. Non si può parlare di “continuità lavorativa” e neppure i guadagni sono confrontabili con quelle delle altre città. Le nuove aziende che vorrebbero insediarsi a Venezia tengono conto di questa situazione oramai drammatica col risultato che solo le ditte più grosse possono permettersi di rimanere ancora a Venezia dato che i dipendenti, acqua alta o meno, devono comunque venire pagati.

L’intervista a Paolo Canestrelli, responsabile del centro previsioni e segnalazione maree del Comune di Venezia, su quotidiano Il Gazzettino di Venezia del 5 dicembre 2010, riporta dati allarmanti. Secondo il punto di vista dell’ingegnere Canestrelli,  il numero alto di alta marea a Venezia è legato all’aumento del medio mare. I dati confermano un aumento di cinque centimetri in più rispetto all’anno scorso del livello del Mare Adriatico con una frequenza di alta marea che ha superato ogni record. 
Attualmente, il livello è di 38 centimetri (5 centimetri in più rispetto all’anno scorso) dopo che il livello del mare era rimasto fermo sui 22-23 centimetri per oltre cinquant’anni. Ma probabilmente, questo valore di 38 centimetri è destinato a calare nei prossimi mesi, fino a tornare a livelli normali.

C’è bisogno di tempo per confermare questa ipotesi perché i dati statistici attualmente non sono sufficienti per poter prevedere l’andamento del fenomeno. La statistica ha bisogno di grandi numeri e 2-3 anni sono pochi.
Il motivo dell’innalzamento del livello del Mare Adriatico è legato all’abbassamento della pressione delle sue acque che può aver comportato un aumento delle temperature, con il conseguente scioglimento dei ghiacciai. Sono gli effetti del global warming che si manifestano anche localmente su una città come Venezia.

Pubblicato originariamente  su Climate Summit Italia: http://theclimatesummitit.blogspot.com/2010/12/venezia-e-il-global-warming.html .

Sabrina

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Umberto Genovese

Autodidatta in tutto - o quasi, e curioso di tutto - o quasi. L'astronomia è una delle sue più grandi passioni. Purtroppo una malattia invalidante che lo ha colpito da adulto limita i suoi propositi ma non frena il suo spirito e la sua curiosità. Ha creato il Blog Il Poliedrico nel 2010 e successivamente il Progetto Drake (un polo di aggregazione di informazioni, articoli e link sulla celebre equazione di Frank Drake e proposto al l 4° Congresso IAA (International Academy of Astronautics) “Cercando tracce di vita nell’Universo” (2012, San Marino)) e collabora saltuariamente con varie riviste di astronomia. Definisce sé stesso "Cercatore".

I commenti sono chiusi