La prima candelina di Paperblog

In occasione del primo compleanno di Paperblog, nato ufficialmente il 20 aprile 2010, e superato il traguardo di oltre un milione di visitatori al mese ho il piacere di celebrare questa doppia ricorrenza con una mia breve intervista, raccontando un po’ del mio Blog e di me.

1. Innanzitutto, chi é Sabrina di TuttiDentro ?

Sono laureata e dottorata in Astronomia all’Università di Padova. Ho sempre coltivato la passione per la fisica e l’astronomia e questo blog riflette la mia passione.

2. Da quanto tempo possiedi un Blog e perché hai deciso di aprirne uno?

TuttiDentro nasce nel 2007 come programma radiofonico mandato in onda in 99 radio locali italiane e incentrato sui due volti del cielo: da una parte quello romantico e suggestivo, raccontato dalle stelle della televisione, della musica e dello sport, e dall’altro quello più sconosciuto, svelato dall’entusiasmo dei giovani ricercatori che lo vivono per professione. Successivamente, dall’esigenza di mettere per iscritto quanto detto in radio, nasce il Blog TuttiDentro. La trasmissione radiofonica è stata trasmessa fino al 2009; da quel momento il blog  ha avuto un’improntaedifferente da quella iniziale, diventando un vero e proprio Blog di professionisti e di appassionati di astronomia.

3. Da dove trai ispirazione per gli articoli del tuo blog?

Da fonti autorevoli, come per esempio la NASA, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), l’Istituto Nazionale di Astrofisica Italiano (INAF) solo per citarne alcuni ma, molto spesso, sono gli stessi colleghi che lavorano in vari istituti di ricerca a pubblicare insieme a me.

4. Quando smetti i panni del Blogger, di cosa ti occupi?

Con numerose Associazioni e scuole sono coinvolta in vari progetti di comunicazione dell’Astronomia, della Fisica e anche di alcuni aspetti legati al clima (cambiamenti climatici, global warming). Come docente ho la fortuna di continuare a lavorare in questo ambito e a far apprezzare l’astronomia anche ai più giovani. Non molti studenti scelgono la fisica o l’astronomia come percorso di vita, ma al momento la ricerca italiana non ha fondi sufficienti per garantire un minimo di carriera e quindi, spesso, la scelta dei giovani è motivata da ragioni economiche e dalle scarse prospettive future.

5. Un pregio e un difetto di Paperblog.

Sono molto felice di far parte di Paperblog. Ho notato fin da subito la velocità di pubblicazione degli articoli. Mi è davvero difficile trovare un difetto: non ce ne sono ai miei occhi!

6. La scoperta scientifica che avresti voluto fare.

Visto che parliamo di scoperte già avvenute, sicuramente la più affascinante per me è stata la scoperta dei raggi X compiuta da Röntgen in modo del tutto casuale nel 1895, all’età di cinquant’anni, che ha rivoluzionato la medicina, l’astronomia e anche la vita di tutti i giorni (basti pensare ai “body scanner” che utilizzano radiazione X di bassa intensità). Mi ha sempre affascinato l’immagine della mano e dell’anello che Roentgen fece alla moglie, Ann.

La prima lastra radiografica nella storia della scienza: è il 22 dicembre 1895 quando la mano della moglie dello scopritore dei raggi X, Wilhelm Röntgen (1845-1923), viene impressa rimanendo come immagine simbolo della scoperta. Fu presentata al Professor Ludwig Zehnder del Physik Institut, Universitità di Freiburg, l’1 gennaio 1896. Si noti in particolare il rigonfiamento al dito che non è altro che l’anello portato dalla signora Röntgen. Fonte Wikipedia: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Anna_Berthe_Roentgen.gif

BUON COMPLEANNO, PAPERBLOG!

Link a Paperblog: http://it.paperblog.com/

La pagina dove i post di TuttiDentro vengono pubblicati (sezione Scienze): http://it.paperblog.com/scienze/

Sabrina

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.

I commenti sono chiusi