Dettagli di Yavine Corona su Venere

Torniamo indietro di qualche anno.
Venere viene ripreso dalla sonda Magellan nel 2003. Il dettaglio mostra Yavine Corona una regione di circa 500 chilometri di dimensione, con buona approssimazione circolare di origine vulcanica. Yavine contiene 2 novae, colline circolari che hanno fratture stellate (o grabens).
E’ un’immagine tridimensionale ottenuta combinando i dati radar con quelli altimetrici della sonda Magellan.

Image Credit: NASA/JPL/USGS

Sabrina

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.

Una risposta a Dettagli di Yavine Corona su Venere

  1. SpaceTime dice:

    Si, sono passati alcuni anni, ma queste immagini rimango sempre vive nella memoria perchè sono uniche nel loro genere.

    Ci permettono di vedere crateri, colline, catene montuose e altre formazioni geologiche, comparabili con le mappe fotografiche in luce visibile di altri pianeti e il tutto in 3D !!!
    La mappa radar e altimetrica della sonda Magellan rimane tuttora quella più dettagliata della superficie della sorella della nostra terra e ci ha aperto una finestra attraverso l'impenetrabile atmosfera venusiana, svelandoci informazioni importanti sulla conformazione geofisica di un pianeta così bello ma così terribilmente inospitale.

    Questa immagine è anche una dimostrazione di come alcune missioni planetarie del passato, condotte con una tecnologia meno sofisticata di quella odierna, possano aver prodotto risultati scientifici di grande rilievo che sono ancor oggi insuperati.

    Grazie per la bella immagine, a cui sono sicuro ne seguiranno molte altre sempre così belle e interessanti !