Planet Hunters

La sonda Kepler della NASA è uno degli strumenti più importanti e potenti a caccia di pianeti extrasolari.
E’ quasi sicuro che grazie all’intuizione e alla straordinaria capacità umania, all’analisi accurata dei dati raccolti dalla sonda in questi anni, sarà possibile scovare altri nuovi pianeti.

Si tratta quasi di una nuova scommessa sulla capacità umana a battere le macchine, anche solo occasionalmente. Rimane comunque affascinante sapere che una stella, da qualche parte della nostra Galassia, abbia un pianeta compagno che le orbita attorno, proprio come il nostro Sole.

Il video è disponibile su: http://vimeo.com/17857457

Il sito del Planet Hunters: http://www.planethunters.org/

Sabrina

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Sabrina Masiero

Direttore Responsabile della Didattica e Divulgazione presso la Fondazione GAL Hassin-Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche, Isnello, (Palermo) e associata INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo. Ho lavorato presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e la Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie nell'ambito dei pianeti extrasolari.

I commenti sono chiusi