Un cratere lunare ricco di acqua

In questa immagine sono rappresentate la quota o altezza dal suolo (a sinistra, a colori) e i rilievi ombreggiati (a destra, in bianco e nero) del cratere Chackleton di 21 chilometri di diametro che si trova costantemente in ombra vicino al Polo Sud della Luna. La struttura interna del cratere … Continua a leggere …

Il grande successo di MoonKAM

Da quanto la missione della camera MoonKAM a bordo delle due sonde gemelle GRAIL, Ebb e Flow, ha avuto inizio, lo scorso 12 marzo 2012, una miriade di foto sono state richieste alla NASA. Felice di essere tra coloro che hanno partecipato attivamente alla missione e che continuerà nei prossimi … Continua a leggere …

Niente Bow-Shock per la Terra?

I dati della sonda Interstellar Boundary Explorer (IBEX) della NASA sorprendono non poco. Si era sempre immaginato il moto della nostra Terra e dei pianeti attorno al Sole insieme all’eliosfera come ad viaggio su un jet supersonico, ma il viaggio, in realtà, sembra essere molto più tranquillo, simile a quello … Continua a leggere …

Il Voyager 1 si avvicina al confine del Sistema Solare

Credit: NASA/JPL-Caltech. I dati dalla sonda Voyager 1 della NASA indicano che il venerabile esploratore dello spazio profondo ha incontrato una regione nello spazio dove l’intensità delle particelle cariche dal di fuori del nostro Sistema Solare è notevolmente aumentata. I ricercatori della missione guardano a questo incremento come ad un … Continua a leggere …

IBEX per osservare i confini del nostro Sistema Solare

L’Interstellar Boundary Explorer (IBEX) della NASA è la prima missione progettata per mappare l’intera regione di confine del nostro Sistema Solare. Le particelle cariche emesse dal Sole che formano il vento solare fluiscono verso l’esterno della stella innondando i pianeti e oltrepassando le orbite dei pianeti stessi. Tali particelle si … Continua a leggere …

Pianeti terrestri in rapida formazione?

Rappresentazione artistica di un esopianeta. Crediti NASA. La formazione di un pianeta terrestre richiede materiale grezzo che non era disponibile nella primitiva storia dell’Universo. Il Big Bang ha prodotto idrogeno ed elio; gli elementi chimici come il silicio e l’ossigeno, i componenti chiave delle rocce, hanno si sono formati nel … Continua a leggere …

Titano osservato da vicino da Cassini

Il Lago Ontario su Titano (sinistra) e il Lago Etosha Pan (a destra), a confronto. Crediti: NASA/JPL-Caltech and NASA/USGS . Immagine disponibile sul sito JPL-NASA-Cassini Solstice: http://saturn.jpl.nasa.gov/photos/imagedetails/index.cfm?imageId=4505 Lo strumento radar a bordo di Cassini, che orbita intorno al sistema di Saturno e dei suoi satelliti, ha compiuto un nuovo fly-by, … Continua a leggere …

Quando sulla Terra tutto si estinse

Sulla base di testimonianze fossili, circa 252 milioni di anni fa oltre il 90% di tutte le specie sulla Terra morirono producendo un vero e proprio reset nell’evoluzione. Crediti: Lunar and Planetary Institute. Ci sono voluti 10 milioni di anni alla Terra per riprendersi dalla più grande estinzione di massa … Continua a leggere …

Un pianeta non ancora osservato oltre Plutone?

Rappresentazione artistica di un pianeta gigante delle dimensioni di Giove che è privo di Sole. Da qualche anno si porta avanti l’idea che possano esistere dei pianeti isolati che sono stati allontanati dalla loro stella all’atto della formazione del loro sistema solare. E’ possibile che il nostro Sistema Solare abbia … Continua a leggere …

Topolino su Mercurio

Questa collezione di crateri è stata fotografata dalla sonda Messenger della NASA lo scorso 3 giugno 2012 con la Narrow Angle Camera (NAC) del Mercury Dual Imaging System (MDIS). Situato a nord ovest del del cratere Magritte, nell’emisfero sud di Mercurio, il gioco di ombre che si creano coi crateri … Continua a leggere …