Spitzer Space Telescope scopre una giovane stella con un Hula Hoop

Star with a Hula Hoop

Una rappresentazione artistica del sistema YLW 16A osservato da Spitzer Space Telescope. Crediti NASA. 

Alcuni astronomi utilizzando lo Spitzer Space Telescope della NASA hanno individuato un giovane sistema stellare che scintilla ogni 93 giorni. Denominato YLW 16A, il sistema probabilmente è costituito da tre stelle in formazione, due delle quali sono circondate da un disco di materiale abbandonato durante processo di formazione stellare.

Mentre le due stelle interne ruotano una attorno all’altra, periodicamente fanno capolino dal disco che le avvolge come un hula-hoop. Il cerchio stesso sembra essere non allineato con la coppia di stelle centrale, probabilmente a causa della mancanza di azione gravitazionale della terza stella che orbita alla periferia del sistema. Il sistema descrive delle rotazioni con delle variazioni di luminosità, passando da una fase luminosa ad una più debole. Si ritiene che questo disco dovrebbe formare dei pianeti e altri oggetti celesti che compongono un sistema solare.

Spitzer ha osservato la luce infrarossa proveniente da YLW1 6A, emessa da gas caldo e dalla polvere nel disco che ancora circonda le giovani stelle. Altre osservazioni derivano dalla survey 2MASS con telescopi terrestri, dallo strumento NACO del Very Large Telescope dell’European Southern Observatory (ESO) in Cile.

YLW 16A è il quarto esempio di sistema stellare noto a lampeggiare in questo modo, e il secondo nella stessa regione di formazione stellare, Rho Ofiuco. La scoperta suggerisce che questi sistemi potrebbero essere più comuni di quanto si pensava. Sistemi di stelle lampeggianti con dischi deformati offrono ai ricercatori un modo per studiare come i pianeti si formano in questi ambienti. I pianeti possono orbitare attorno a uno o ad entrambe le stelle nel sistema stellare binario. La famosa stella Tatooine in “Star Wars” orbita attorno a due stelle, quindi si tratta di mondi in cui si possono osservare due albe e due tramonti. Tali mondi sono indicati come pianeti circum-binari. Gli astronomi possono registrare il modo in cui la luce viene assorbita dai dischi di formazione planetaria durante le fasi più luminose e più deboli dei sistemi planetari, che a loro volta rivelano informazioni sui materiali che formano il disco.

“Questi sistemi lampeggianti offrono delle sonde naturali del processo di formazione di pianeti circum-binari e binari” ha affermato Peter Plavchan, scienziato presso l’Exoplanet Science Institute of Technology della NASA, a Pasadena, California, e primo autore della ricerca accettata per la pubblicazione su Astronomy & Astrophysics.

Fonte NASA- Spitzer Space Telescope:  http://www.spitzer.caltech.edu/news/1543-feature13-03-Spitzer-Discovers-Young-Stars-with-a-Hula-Hoop- .

Sabrina

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Informazioni su Sabrina Masiero

Ricercatore Astronomo (Tecnologo III livello) presso INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo-Gal Hassin, Centro Internazionale delle Scienze Astronomiche di Isnello, Palermo. In precedenza: Borsista presso INAF-Osservatorio Astronomico di Padova e Fundaciòn Galileo Galilei, FGG-Telescopio Nazionale Galileo, La Palma, Isole Canarie.

I commenti sono chiusi